Shell condannata per inquinamento petrolifero in Nigeria

Avevamo già avuto modo di scrivere in merito alle accuse rivolte alla società petrolifera Shell per danni ambientali in Nigeria. Ne parlammo in occasione del 25° anniversario dell’assassinio di Ken Saro-Wiwa, drammaturgo e militante ecologista che denunciò la multinazionale (con sede principale nei Paesi Bassi) di violazioni dei diritti umani e distruzione ambientale. Per approfondire si veda l’Articolo “Le rivendicazioni di Ken Saro-Wiwa e del popolo degli Ogoni”.

Sul finire del mese di gennaio 2021 è giunta una notizia che sta facendo scalpore: il tribunale de L’Aia ha condannato la filiale di Shell in Nigeria a risarcire un gruppo di contadini per i danni provocati alle loro terre dagli sversamenti di petrolio. Si tratta di una storica sentenza, dopo ben 13 anni di udienze. Il giudice Sierd Schaafsma della Corte d’Appello de L’Aia si è espresso a favore della maggior parte delle rivendicazioni dei contadini e degli ambientalisti, dichiarando: “La Corte ordina che Shell Nigeria è responsabile dei danni causati dagli sversamenti. Shell Nigeria è tenuta a risarcire i contadini”.

L’ammontare effettivo verrà stabilito in una prossima sentenza. Ma non è tutto. La Corte d’Appello ha stabilito che la casa-madre, la Royal Dutch Shell e la sua sussidiaria nigeriana, devono installare un sistema di controllo delle perdite a un gasdotto nell’area sud-orientale della Nigeria, al fine di prevenire futuri sversamenti di petrolio. I villaggi coinvolti sono Goi, Ikot Ada Udo e Oruma.

Una sentenza storica

È la prima volta che un giudice di una Corte di Giustizia olandese pronuncia un verdetto sfavorevole a Shell. Sebbene la multinazionale potrebbe fare ricorso, si tratta comunque di una decisione importante. È una vicenda che dura da 13 anni. Nel 2008, quattro contadini e pescatori nigeriani – grazie all’appoggio dell’organizzazione ambientalista Friends of Earth – hanno portato in giudizio il gigante petrolifero davanti a un tribunale olandese. Due dei quattro accusatori della multinazionale anglo-olandese sono purtroppo deceduti, senza fare in tempo ad ascoltare un verdetto che può rappresentare un precedente importante.

La teoria dei sabotaggi

Da parte sua, la Shell ha ovviamente espresso commenti di disapprovazione verso il verdetto del giudice, dichiarando che gli sversamenti di petrolio nei villaggi di Oruma e Goi siano stati dovuti semplicemente ad atti di sabotaggio ad opera della popolazione locale. Si tratta di un’accusa non provata. Certo è che la multinazionale Shell è da oltre 50 anni che sfrutta abbondantemente le riserve di petrolio della Nigeria, lasciando gli abitanti del Delta del Niger in una condizione di povertà, in un ambiente sempre più inquinato.

S.C.T.

L’Articolo integrale è consultabile sul sito SMA Africa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...