In tempo di pandemia, il settore minerario africano non conosce crisi

Nonostante la pandemia, lo sfruttamento delle risorse minerarie africane non si ferma. Anzi, secondo l’agenzia Ecofin, tale settore è destinato a crescere ancor di più con la capillare diffusione nel mondo dei veicoli elettrici. Dalle previsioni, varie nazioni africane vedranno un intensificarsi del commercio minerario per l’estrazione di quei minerali – come litio, cobalto, grafite – usati nella produzione di auto ibride ed elettriche. Tra le nazioni maggiormente interessate da tale tendenza vi sono la Repubblica Democratica del Congo e il Mali.

La (nuova) corsa all’oro

La congiuntura economica mondiale, lo sappiamo, è negativa a causa della pandemia. Sebbene anche prima del 2020 la ripresa economica globale era lenta e contraddittoria, dopo un anno di crisi sanitaria la situazione è sempre più grave. Secondo la Banca Mondiale, proprio a causa della pandemia rischiamo di avere una delle peggiori recessioni economiche dal 1870. Il settore minerario africano, però, è tra quelli che non vedranno un rallentamento.

L’oro rimane, in tempo di crisi, un bene rifugio per gli investitori, come dimostrano i progetti di espansione della compagnia mineraria Endeavour Mining. Questo gigante del mondo aurifero, il cui quartier generale si trova nelle isole Cayman, è attivo in Africa Occidentale, in particolare in Burkina Faso, Costa d’Avorio e Senegal. In queste tre nazioni africane la Endeavour Mining dispone di sette miniere e, grazie alla recente fusione con il gruppo Teranga Gold Corporation, la potente multinazionale è riuscita a entrare nella lista dei primi dieci produttori di oro al mondo.

Il minerale della viabilità elettrica, il litio

Con l’entrata in vigore in varie nazioni (in special modo nei paesi dell’Unione Europea) della normativa anti-inquinamento, si assiste a un’accelerazione della vendita di veicoli elettrici e di auto ibride. Per produrre questa tipologia di vetture occorrono determinati minerali, tra cui il litio. Alcuni paesi africani che dispongono di tale risorsa mineraria sono già nel mirino di varie società. Per esempio, è il caso della Repubblica Democratica del Congo – nazione ricchissima di preziose risorse minerarie – dove la produzione di litio della miniera di Manono, a circa 500 km da Lubumbashi, sarà venduta alla società cinese Ganfeng Lithium. È importante ricordare che la compagnia AVZ Minerals Limited, con sede in Australia, detiene il 70% della proprietà del giacimento minerario di Manono.

Anche in Mali si trova un’alta concentrazione di litio, specialmente nella miniera di Goulamina, a 150 km a sud dalla capitale Bamako. Occorre sottolineare che l’estrazione del litio necessita una grande quantità di acqua. Il Mali, insieme alla Nigeria, rischia in futuro conflitti sul suo territorio legati proprio alla carenza d’acqua (come ha messo in luce il World Water Development Report 2020). Occorre anche sottolineare che in altre aree del pianeta, come in Cile, l’estrazione del litio ha provocato la drastica riduzione e l’inquinamento delle acque sotterranee.

Ancora alta la richiesta di rame

Il rame è un altro di quei minerali la cui richiesta mondiale è sempre alta. Negli ultimi anni, è la domanda cinese che fa salirne le quotazioni. Si parla addirittura di “acquisti speculativi” allo Shanghai Futures Exchange. Questo rinnovato interesse per il rame deriverebbe sia dalla produzione di veicoli elettrici, sia dalla diffusione delle energie rinnovabili. In questi settori decisivi nel futuro, il rame riveste un ruolo centrale grazie alle sue specifiche proprietà, come la conduttività termica e la resistenza ai processi di corrosione. Uno dei progetti africani più importanti in tal senso è quello che riguarda le miniere di rame di Kamoa e Kakula, nella Provincia di Lualaba, a sud della RDC.

Silvia C. Turrin

L’Articolo continua sul sito di SMA Africa

Foto: Wikimedia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...